Eventi

Logo Nondasola

Bacheca "Eventi"

30 marzo 2019 "Verona città transfemminista", la marea fucsia invade la città

«Lucha Internacional!», così festeggia ballando alla testa del corteo Marta Dillon, attivista argentina chiamata per le giornate femministe e transfemministe di Non Una di Meno a Verona contro la tredicesima edizione del Congresso mondiale delle famiglie, che riunisce il movimento antifemminista, antiaborstista e contro i diritti delle persone Lgbtqi del mondo.

E mentre dentro al palazzo uno dei leader di Forza Nuova annuncia la nascita di un nuovo comitato per abrogare la 194, mentre si dice che «la rivoluzione sessuale ha portato al degrado della società», che «il multiculturalismo è una minaccia per la civiltà cristiana» e «che l’emancipazione delle donna è un’illusione che fa credere alle donne di poter fare quello che vogliono», decine e decine di migliaia di corpi «resistenti a favolosi» occupano con determinazione e con una marea fucsia tutta la città: «Siamo 100mila!», twitta nel tardo pomeriggio Non una di meno, «un numero oltre le aspettative di cui non si potrà non tenere conto», e anche la questura rivede al rialzo le sue «stime».

Così Giulia Siviero su Il Manifesto inizia il suo articolo sulla mobilitazione lanciata da Non Una di Meno, che ha portato a Verona centinaia di donne, ragazze/i, uomini, bambini/e per affermare che l'idea di 'famiglia naturale' promossa dal Congresso è in realtà un tentativo di mettere in discussione i diritti e l'autoderminazione delle donne e quelli delle altre soggettività (continua a leggere.) 

E la Rete nazionale dei centri antiviolenza D.I.Re ha messo in evidenza come proprio all'interno della presunta 'famiglia naturale' si consumano le violenze più efferate nei confronti delle donne. Leggi qui il comunicato stampa.  

La mobilitazione di Verona, insieme allo #stato di agitazione permanente del movimento femminista (la petizione su Change.org lanciata da D.I.Re ha raggiunto 170.000 firme) sembra aver dato qualche frutto: la discussione del Ddl Pillon al Senato è stata rimandata. 

 

 

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Designed by andreabenassi.it